Un vasto incendio, di natura quasi sicuramente dolosa, sta devastando la mega discatica dei veleni alle porte Chieti. Le fiamme appiccate nella notte in più punti, hanno distrutto quasi tutte le ecoballe e molti documenti che avrebbero dovuto tstimoniare i collegamenti con la discarica di Acerra nel napoletano.
Dopo l'inchiesta del quotidiano Il Centro, che aveva portato alla luce la discarica abusiva, aveva costretto la Procura ad aprire un fascicolo penale, ma il fuoco di questa notte potrebbe aver distrutto numerose prove.

Al momento sono impegnati nelle operazioni di spegnimento i Vigili del Fuoco e la Forestale, ma sono i fumi tossici sprigionati dal materiale incendiato vicinissimo ai centri abitati a preoccupare maggiormente. Sul luogo dell'incendio sono giunti i Sindaci di Cheti e Bucchianico e l'Assessore Regionale all'Ambiente Mario Mazzocca.
"
Intanto il Sindaco di Chieti Umberto di Primio dalla sua pagina Facebook ha invitato i residenti della zona adiacente l'incendio a non respirare i fumi tossici e ad evitare i prodotti agricoli che potrebbero essere stati contaminati :Sono appena tornati i tecnici dell'arta che hanno fatto la campionatura dei materiali bruciati nella discarica. Fra qualche ora ci daranno la risposta. Sto facendo preparare una ordinanza per chiedere ai cittadini che si trovano nelle immediate vicinanze della discarica di tenere porte e finestre il più possibile chiuse, di evitare di mangiare prodotti agricoli coltivati nei pressi del sito incendiato e/o comunque di provvedere a lavarli molto bene. Chiederò alla asl di effettuare le ulteriori verifiche per capire se è necessario adottare provvedimenti più importanti in materia di uso dei prodotti agricoli"