L'uomo di 84 anni, è ricoverato all'ospedale di Sulmona dal 28 dicembre scorso. Non c'è né allarme di contagio per altre persone né necessità di profilassi per la meningite pneumococcica  né ci sono collegamenti con i casi registrati in Toscana. Lo precisa la direzione della Asl 1, al fine di prevenire e scongiurare allarmismi e infondate preoccupazioni. L'uomo, che è di Sulmona, ricoverato in Rianimazione in stato di coma, è affetto da meningite pneumococcica causata da batteri che, in seguito a uno stato depressivo del sistema immunitario, possono favorire l'insorgere della patologia.  "Il tipo di meningite di cui è affetto il paziente - dichiarano i medici che lo assistono - non richiede né profilassi antibiotica né vaccinazione proprio perché non c'è pericolo di diffusione" .Questo tipo di meningite (che colpisce per lo più anziani e adulti) non causa la trasmissione della patologia ad altre persone né epidemie e non necessita, pertanto, dell'adozione di misure di profilassi