Il comune di Montesilvano attende il 28° Campionato Italiano Giovanile di Scacchi (under 16) evento ufficiale della Federazione Scacchistica Nazionale, che si terrà dal 28 giugno al 5 luglio prossimi.

Tra i promotori: Antonio Maestri (Pres. Ass. Quadrifoglio) e Franco Lupo, il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno, il vice sindaco con delega allo Sport Ottavio De Martinis, l'assessore al Turismo Paolo Cilli, il Vice Presidente USSI Abruzzo Silvio Salone (Unione Stampa Sportiva), il Vice Presidente Federalberghi Prov. Pe Adriano Tocco, ed il presidente Coni Abruzzo Enzo Imbastaro.

"Il Campionato Giovanile Italiano - secondo l'organizzatore Antonio Maestri- è la più importante manifestazione del panorama scacchistico annuale italiano sia dal punto di vista tecnico, vista la partecipazione di tutti i più giovani talenti dello scacchismo nazionale, che dal punto di vista logistico vista la grande partecipazione di giocatori (oltre 700) e di accompagnatori (oltre 1500) per un totale complessivo di circa 2500 persone. Ringraziamo per l'apporto logistico e per l'accoglienza le Istituzioni, il promotore Adriano Tocco vice presidente provinciale Federalberghi, il sindaco del Comune di Montesilvano Francesco Maragno e gli assessori tutti, unitamente agli alberghi ed alle attività produttive e commerciali della zona".

"Tante le iniziative collaterali -ha proseguito Maestri -Tra queste, la 'Montesilvano card' che agevolerà partecipanti ed accompagnatori e porterà lavoro alle strutture commerciali locali abbinate, il laboratorio scacchistico dei cruciverba, il quiz giornaliero, il concorso 'Vinci il Tuo Soggiorno' ". Nella giornata del 30 giugno ci sarà l'annullo filatelico "ad hoc" alla presenza della direttrice di filiale di Pescara di Poste Italiane dott.ssa Angela Rosa Zappacosta

"Il Campionato giovanile nazionale di Scacchi - ha detto il sindaco di Montesilvano Francesco Maragno - si presenta con un programma ricco e ambizioso. Si tratta di un’opportunità di grande importanza per la città di Montesilvano e per l’intera regione. Dal primo contatto che abbiamo avuto con l’organizzazione, già a settembre 2014, ci siamo impegnati affinché questa manifestazione non sia episodica ma possa divenire un appuntamento istituzionale per la città. Siamo convinti che ogni luogo deve avere una sua identità culturale, sociale e sportiva e questo evento si muove esattamente in questa direzione".