I contratti di vendita al telefono non sempre vengono conclusi dagli operatori di call center nel rispetto della volontà dell’acquirente. Sono numerose le segnalazioni di utenti che raccontano di SI strappati con l’inganno e poi utilizzati al momento più conveniente in modo fraudolento. Attenzione quindi a rispondere la parola SI se vi chiamano al telefono per proporvi vendite tramite call center, anche quando la domanda sembra la più innocua come la conferma della vostra identità. È lei il signor Mario Rossi?” rispondendo istintivamente “Sì” si autorizza inconsapevolmente l’attivazione di un prodotto o servizio. Come è possibile? Quel SI, in risposta alla semplice e apparentemente innocua domanda sulle generalità, viene tagliato opportunamente e diventa una risposta positiva alla richiesta.
La prima regola da seguire quindi se si viene contatti da un call center di vendita al telefono e non si vuole aderire all’offerta proposta, è quella di non dire mai la parola SI ma rispondere con sinonimi che non possono essere usati in modo fraudolento come visto sopra. Quando vi chiedono se confermate il vostro nome e cognome ad esempio basterà rispondere “esattamente, sono io”.
Se invece si pensa di poter essere interessati all’offerta e si vogliono avere maggiori informazioni in merito, si consiglia di chiedere bene qual è l’azienda che sta chiamando e quali sono gli eventuali costi aggiuntivi previsti.