Il Pescara batte di misura il Latina grazie al gol di Memushaj e al giro di boa di metà campionato di Serie B raggiunge quota 37 punti. Bravi tutti, secondo le previsioni il Pescara alla fine del girone si sarebbe dovuto trovare a 30 punti, invece ha fatto 7 di più avvicinandosi di molto alle zone alte della classifica. Eppure la partita era rimasta in bilico fin quasi alla fine, fino all' 81' esimo quando il capitano Memushaj ha sbloccato la gara con una gran botta dal centro dell'area del Latina su cui Farelli non ha potuto fare nulla. Peccato per l'esultanza eccessiva, con calcio al microfono che , ingenuamente, gli è costato il rosso. Il capitano ha grande personalità, a volte però dovrebbe controllarsi, comunque a risultato acquisito possiamo dire che va bene così.

Meno male, perché la partita sembrava già incanalata verso un pareggio che , di certo, non avrebbe accontentato i biancazzurri. Nel primo tempo Cocco avrebbe anche segnato al 25 esimo ma il gol è stato annullato per fuorigioco. Tre minuti dopo, al 28' esimo era stato Aresti a salvarsi su una bomba di Schiattarella, spina nel fianco nella seconda metà del 1 tempo, che si è stampata sulla traversa pescarese.
Ancora Cocco, finalmente in condizione accettabile, tenta la via della rete alla fine dei primi 45 minuti senza fortuna, anzi con un po' di fortuna per il portiere del Latina Fanelli che ha sventato il pericolo con una bella parata.

Il secondo tempo è iniziato sulla falsa riga del primo : molte imprecisioni e poche occasioni da entrambe le squadre.
"Possibile che sia sempre colpa mia ? " avrebbe esclamato Cocco al momento della solita sostituzione da parte di Oddo che lo ha cambiato con l'altro oggetto misterioso Mitrita ( ci si aspetta molto anche da lui ) . No, questa volta non ce la sentiamo di colpevolizzare l'ex capocannoniere di Serie B che nel primo tempo ha giocato anche meglio dei suoi compagni di reparto, ma resta evidente il suo problema con il gol, obbiettivo cercato e inseguito per tutta la prima parte del campionato e mai raggiunto. Nonostante le rassicurazioni di Sebastiani, crediamo che a gennaio partirà verso altri lidi.

Si è vista una gran voglia di vincere , soprattutto dall' 81 esimo quando, come già raccontato , dopo il gol di Memushaj, il Pescara ha dovuto difendere il pareggio in 10 uomini contro 11, ma contrariamente ad altre partite ci è riuscito benissimo, rinforzando la difesa con Fornasier al posto di Caprari, ma soprattutto dimostrando fiducia nelle proprie forze, caratteristica imprescindibile per un Pescara che vuole lottare al vertice del campionato.