Pescara . "La Delfino Pescara 1936 comunica che, in data odierna, il sig.Giorgio Repetto è stato sollevato dall’incarico di Direttore Generale. La Società ringrazia il Direttore per la disponibilità e per il lavoro svolto in questi anni e augura allo stesso le migliori fortune lavorative." Niente di più , un freddo comunicato stampa annuncia a tutto il mondo biancazzurro il divorzio tra la società e i suo direttore generale ., non una parola in più per spiegare quanto acaduto, considerando che Giorgio Repetto , oltre ad essere un dirigente di indubbio valore , è stato anche uno degli uomini simbolo del Pescara .  Tutti ricordano le 5 stagioni da titolare, le due promozioni in massima serie delle stagioni 1976-1977 e 1978-1979 e  il primo storico gol del Pescara in Serie A, l'11 settembre 1977, durante prima giornata di campionato, in occasione della sconfitta interna contro il Napoli.

Cosa ha spinto la società biancazzurra a privarsi di Giorgio Repetto ? Al momento ne il Pescara , ne il dirigente hanno ancora svelato i retroscena della separazione sicuramente destinata ad alimentare un seguito di polemiche . C'entrano qualcosa le dimissioni dell' AD Iannascoli con l'esonero di Repetto ? Certo è che anche a livello societario " la vecchia guardia " del Pescara pian piano viene meno , pur essendo ancora presto per un ricambio generazionale . 

Da indiscrezioni i motivi della rottura potrebbero essere principalmente due : operazioni di mercato che Giorgio Repetto non vuole continuare ad avallare ( al contrario di quanto accaduto in alcune occasioni precedenti ) e l'idea del Presidente Daniele Sebastiani di puntare su Leone .