Pescara . Tanto tuonò che piovè . Eppure il presidente Sebastiani aveva tranquillizzato tutti dicendo che non ci sarebbbero stati terremoti in società, invece oggi Danilo Iannascoli, A.D. del Pescara, azionista e tifosissimo biancazzurro ha rassegnato le dimissioni. Lascia da dirigente, ma resta socio ( per ora ) .

“La Società Delfino Pescara 1936 SpA rende noto che sono state formalizzate le dimissioni, da componente del consiglio di amministrazione e da amministratore delegato, da parte del sig. Danilo Iannascoli.

La società ringrazia il Sig. Iannascoli per il lavoro svolto in questi anni, e apprezza la sua volontà di rimanere socio.

Si comunica inoltre che, domani, nell’assemblea dei soci si provvederà all’approvazione del bilancio ed alla nomina dei nuovi consiglieri”. Ecco il comunicato stampa emesso poco fa dal club adriatico."

Già,le strade del Delfino Pescara e quella del numero due della società biancazzurra ( e presidente del Pescara calcio a 5 ) si dividono dopo anni di vita insieme, proprio il giorno prima dell'assemblea dei soci che dovrebbe approvare il bilancio.
Alla base di questo divorzio, pare , ci siano dissidi con il presidente Daniele Sebastiani, ipotesi più che probabile dato il momento preciso in cui l'A.D. si dimette, forse si è cercato di mediare fino alla fine per convincerlo a restare , senza successo.

Secondo uno dei giornalisti sportivi pescaresi più importanti, Gianni Lussoso, uno che conosce a fondo tutto l'abiente del Pescara Calcio, Iannascoli resterà comunque socio e non venderà le sue quote, ma è tutto ancora da capire.

Oggi il Delfino Pescara perde molto, Iannascoli è uno dei pochi in società a saper dialogare con il tifo e forse l'unico a non subire contestazioni