Roccaraso . La terribile tragedia che ha colpito il giovane Christian Lombardozzi caduto da una sedia in classe e morto per aver sbattuto la testa doveva essere evitata . E' risultato infatti che il 17 enne studente dell' Istituto Alberghiero De Panfilis, non usava una sedia normale , ma una in plastica , deformabile , non a norma diversamente da tutte le altre presenti nella scuola .

La sedia si sarebbe deformata con il peso del giovane che stava dondolandosi all'indietro provocandone la caduta fatale . Come se non bastasse alcuni testimoni, i compagni di classe dello sfortunato giovane avrebbero dichiarato che già nei giorni stessi Christian sarebbe caduto da quella stessa sedia , che pare usasse solo lui , per fortuna , l'altra volta, senza gravi conseguenze .

La sedia in plastica , era stata acquistata qualche anno fa come arredo scolastico e figurerebbe ancora nel catalogo dell'azienda produttrice. Dagli ambienti investigativi sarebbe emerso che Lombardozzi era l'unico studente che la utilizzava in classe. Dalla scuola precisano che ci sarebbero altre sedie uguali nelle classi dell'istituto. Una sedia in plastica con struttura in ferro, di solito utilizzata dagli insegnanti, più comoda ma diversa rispetto a quelle in legno e ferro dove siedono gli studenti.

Ora sono tre gli indagati per la morte del giovane studente: la dirigente scolastica Maria Paola De Angelis, l' insegnante di biologia Dino Di Meo in classe durante la tragedia e Michele Verratti responsabile della società di consulenza che si occupa della sicurezza dell'istituto scolastico con l'accusa è di concorso in omicidio colposo. Ai tre è stato notificato l'avviso di garanzia per partecipare agli esami peritali dei prossimi giorni. 

Intanto tutta la comunità di Roccaraso unita nel dolore alla famiglia di Christian Labrozzi , piange per la perdita del giovane che troppo presto li ha lasciati