Coda di Rospo, o Rana Pescatrice ecco una delle regine delle cene di pesce in riva all'Adriatico. Questo esemplare enorme di Coda di Rospo, pescato tra Pescara e Ortona pesa la bellezza di 13 kg, non proprio un record dato che in Sicilia ne sono stati pescati esemplari di 2 m x 60 kg), ma sicuramente una taglia eccezionale per il nostro litorale.

Come si cucina la Coda di Rospo? ecco una ricetta tipica di Pescara:
È un pesce davvero molto prelibato e apprezzato, le sue carni sono ottime e molto magre, perfette per essere cucinate in svariati modi, ad esempio al forno, alla griglia, al cartoccio, in umido con freschi pomodorini, menta e timo, al vapore ecc.
La carne è molto compatta e soda, quasi come quella di aragosta, ha colore roseo che si trasforma in bianco a seguito della cottura:
Coda di Rospo Rana Pescatrice al Forno con le Patate :
Preriscaldare il forno a 200° C.
Lavare le patate, sbucciarle ed affettarne nello spessore di 2-3 millimetri circa.
Lavare il rosmarino, selezionarne le foglie e tritarle con la mezzaluna su un tagliere.
Spellare gli spicchi d’aglio ed affettarli.
Ungere una capace teglia da forno con un filo d’olio, da cospargere bene con un pennello da cucina.
Disporvi le patate accavallandole leggermente.
Condirle con un filo d’olio da cospargere uniformemente, un pizzico di salamoia bolognese, gli spicchi d’aglio ed il rosmarino tritato, tenendone da parte un po’ per quando si aggiungerà il pesce.
Infornare per 20 minuti.
Nel frattempo pulire la coda di rospo rimuovendo la pelle (solitamente viene venduta già senza testa) e tagliando le pinne.
Sciacquarla sotto acqua fresca corrente ed affettarla a tranci spessi 2-3 centimetri.
Trascorso il tempo di cottura delle patate sfornarle e distribuire i tranci di coda di rospo.
Spruzzarli con poco vino bianco secco, un filo d’olio, un pizzico di salamoia bolognese ed il rosmarino tenuto da parte.
Rimettere la teglia nel forno per 10 minuti, un tempo solitamente sufficiente per la cottura del pesce, senza che secchi troppo.
Servire ben caldo.