Pescara . Una vittoria significativa per i porti di Pescara e Ortona , i maggiori della regione , che faranno parte dell' autorità portuale di Civitavecchia , scongiurando quindi il pericolo di dover sottostare all'autorità di Ancona scalo concorrente nel medio Adriatico .
Pescara e Ortona adesso faranno asse con il porto di Civitavecchia , divenendo così l' estremità orientale di un canale che collegherà l'Adriatico e il Tirreno .
Si tratta di una vittoria significativa per Pescara ed Ortona , che svincolandosi da Ancona , potranno avere maggior peso al tavolo delle trattative per l'ottenimento di fondi europei , altrimenti facilmente dirottabili verso lo scalo marchigiano ( che tra l'altro ci ha " regalato " la diga foranea) che ha maggiore potere politico . L'emendamento proposto da Regione Abruzzo ha avuto il si della conferenza delle Regioni e del Ministero , finalmente  i giochi si pareggiano .
Esprimono soddisfazione le marinerie , che avevano più volte manifestato le convenienze della collaborazione con Civitavecchia piuttosto che con Ancona ed esulta anche la politica che , in maniera bipartisan , aveva sempre sperato nella risoluzione di un problema tanto spinoso , in favore dello scalo laziale .