"Il PD per fare qualcosa di buono deve copiare, male, il Movimento 5 Stelle".

E'quanto affermato dal Consogliere Regionale Sara Marcozzi che prosegue: "È stata presentata  in pompa magna la 'nuova e originale' iniziativa di trasparenza dal direttore generale Cristina Gerardis. Secondo la direttrice, l’innovazione che porta l’Abruzzo verso il futuro sarà data da  una piattaforma on-line (gestita dal Formez) dove si possono dare suggerimenti, avanzare proposte e fare commenti al testo di legge".

"Tante energie spese e tante ore di lavoro quando bastava andare sul portale del M5S e scoprire il sistema LEX del M5S che esiste ed è attivo da oltre due anni - prosegue - Comunque siamo soddisfatti, che seppur non ammettendo pubblicamente che il M5S fa scuola sulla trasparenza, le nostre idee vengano riprese anche dal PD: è una nostra vittoria; ma peccato che la stessa Regione Abruzzo, manchi di trasparenza persino nei confronti dei consiglieri regionali eletti che hanno (o meglio, dovrebbero avere) delle prerogative di ispezione e controllo su tutti gli atti della regione, bilancio compreso".

Come spiega la Marcozzi: "Io  stessa ho  scritto (due volte) proprio alla trasparente ed innovativa direttrice generale, per rinnovarle l'invito (dopo un anno e mezzo dall'insediamento del Consiglio Regionale e dopo 4 mesi dall'emissione del Parere da parte del Collegio delle Garanzie statutarie) a fornire a tutti i consiglieri regionali le credenziali per accedere autonomamente al SIC (Sistema Informativo Contabile). Credenziali che servono per controllare il bilancio della regione e la capienza e copertura dei capitoli di spesa, che, a detta del parere rilasciato dal Collegio delle garanzie, non solo rappresentano una prerogativa per tutti i consiglieri ma rappresentano anche un 'dovere d'ufficio'. Ancora nulla! Dunque l'ufficio parrebbe compiere da oltre un anno una violazione dei propri doveri".

"Poi c'è il capitolo Reddito di Cittadinanza e il PD pescarese in questo è precursore; un progetto pilota per i cittadini di cinque comuni della provincia (tra cui Lettomanoppello, ndr) per sperimentare il reddito da estendere poi, forse, ai cittadini di tutta la regione. Il pacchetto è confezionato con grandi annunci alla stampa e incontri di dibattito pubblico. In pieno stile PD si annuncia di fare e poi non si fa. Sì perché il reddito di cittadinanza, fulcro dell’idea e dell’azione politica del M5S, è già sviluppato in una Proposta di Legge Regionale depositata dal M5S che al di là della ”annuncite PD”  giace impolverato nei cassetti della Regione. I Promotori PD del reddito  saranno smemorati, poco attenti o in malafede? Giudicate voi" -spiega la Marcozzi.

In ogni caso si può affermare, secondo il Consigliere, che i cittadini subiscono, ancora una volta, la voglia di protagonismo di un PD che più che alla risoluzione del problema punta all’annuncio facile e a riempirsi la bocca con parole che suonano bene nelle orecchie dei cittadini, ma non sono supportate da una visione politica intellettualmente onesta e soprattutto, da azioni concrete che le rendano fatti e non annunci.

"Copiare tutto al M5S? - si chiede - Quasi, una cosa proprio non riescono a copiarla: il dimezzamento del loro stipendio!  Probabilmente al PD pescarese è sfuggito anche il fatto che il M5S in Regione ha depositato oltre in anno fa una proposta di legge, boicottata da tutto il consiglio regionale, cdx e csx, anche sul taglio dei costi della politica, che riduce drasticamente gli stipendi e che i. Cinque anni avrebbe portato un risparmio di 25 milioni di euro. Nel frattempo, noi 5 grillini, anche in assenza di una legge che ce lo "consenta", sin dall'insediamento ci dimezziamo lo stipendio e presto restituiremo agli abruzzesi oltre 200mila euro".

"Ora c’è da chiedersi: forse qualche Piddino pescarese, folgorato sulla via per L’Aquila ha trovato nell’etica  5 Stelle la soluzione? Ne sono contenta. Come prossimo passo consiglio di strappare la tessera del PD, visto le prese di coscienza fatte. Ultimo consiglio: invece di  riproporre leggi già proposte, invece di  trovare soluzioni già trovate, il PD approvi le leggi del M5S (Dimezzamento Stipendi e Reddito di Cittadinanza) e faccia finalmente il primo gesto d'amore nei confronti di tutti i cittadini abruzzesi! In ogni caso, saranno i cittadini a giudicare"- conclude Sara Marcozzi.