Teramo . Non è bastata la tragedia di alcune settimane fa, quando a Giulianova una lite per una precedenza è terminata in tragedia con l'accoltellamento mortale di un uomo (davanti agli occhi della figlioletta), oggi a pochi km di distanza, a Nepezzano, un'altro grave episodio di violenza, scoppiato per una lite tra automobilisti, poteva finire male, ma per fortuna si è concluso soltanto con due feriti non gravi.

Secondo la Squadra Volante, un 40enne teramano che procedeva zig-zagando a bordo di una Seat Ibiza rubata, ha incrociato un furgone Ducato il cui conducente ha lampeggiato per segnalare l'infrazione. Ne è nato un inseguimento finito poco dopo quando il 40enne è sceso dall'auto minacciando l'altro automobilista; la vicenda sembrava chiusa lì anche per la desistenza del conducente del furgone che però ha imbracciato un forcone, poco dopo, per difendersi da una seconda minaccia portata dal più giovane che brandiva un maniglione di ferro. Nella colluttazione il 40enne è stato ferito: non contento, ha continuato a inseguire l'altro fino, costringendolo a chiudersi nel garage e a chiamare il 113. Gli agenti hanno rintracciato il 40enne e lo hanno denunciato per minacce gravi, tentate lesioni e ricettazione.