Altair, è stata così ribattezzata la barca sequestrata agli scafisti dalla Guardia di Finanza, non verrà mai più usata per i traffici di esseri umani, ma da oggi sarà una nave scuola per i bambini speciali dell' associazione no profit Sail For Children.
Il natante a vela di 12 metri, usato per trasportare ben 52 clandestini stipati nella stiva, venerdì mattina è finalmente approdata al Porto Turistico di Pescara ed è stata inaugurata per la sua nuova mission dal Consigliere Regionale Marianella Sclocco ( Politiche Sociali) da rappresentanti della Marina Militare e da Carlo Cesari presidente di Sail For Children.

I bambini con disabilità, potranno ora navigare in perfetta sicurezza su Altair per capire le leggi del mare, il rispetto per la natura e soprattutto per imparare che il mare non è un elemnto di divisione tra popoli, ma al contrario, un tramite che unisce persone di culture diverse unite dal rispetto reciproco.

L'affidamento ad associazioni no profit  delle barche sequestrate dalle alle mafie è possibile grazie ad una legge del 2003 per impedire che, una volta rimesse all'asta vengano riacquistate dalla criminalità e per abbattere i costi di posteggio dei mezzi sequestrati che graverebbero sulle casse delle autorità giudiziarie. Per ottenere in affidamento un imbarcazioni sequestrate esiste una procedura nazionale, che attraverso un Dipartimento del Consiglio dei Ministri, dedicato alle Onlus che presentino progetti solidali e senza fini di lucro.
Guarda il Video