Pescara . E' successo quello che non doveva accadere, Ryanair l'importante compagnia aerea " low cost " ha deciso di abbandonare lo scalo di Pescara , di fatto riducendo quasi a 0 il traffico dell' Aereoporto D'Abruzzo . Una scelta dettata dall'aumento dell' addizionale comunale da da 6,5€ a persona a 9€ .

Un disastro per la città di Pescara e per l'intero Abruzzo che di fatto , potrebbe restare tagliata fuori da quasi tutte le rotte internazionali ,dalla fine dell'estate 2016 quindi niente più collegamentoi low cost con  Londra, Francoforte, Bergamo, Barcellona, Dusseldorf, Parigi e Charleroi .
La S.A.G.A. la società Abrizzese Gestione Aereoporto ha annunciato in un comunicato la decisione della Ryanair di lasciare Pescara , ma anche l'intenzione della società di cercare in tempi rapidi nuovi vettori interessati allo scalo abruzzese :

"La SAGA ha comunque avviato la ricerca di vettori potenzialmente interessati ad operare sullo scalo abruzzese. Infatti, nel rispetto delle Linee Guida Nazionali e Comunitarie, la SAGA ha pubblicato la Policy Commerciale con lo scopo di rendere noto a tutti i vettori gli obiettivi e le modalità delle incentivazioni e/o contributi di Marketing che saranno messe a disposizione delle compagnie aeree che si proporranno con programmi di sviluppo del mercato aeroportuale, ed ha in corso contatti ed incontri con diversi vettori al fine di sollecitare un loro interessamento a sviluppare servizi aerei.

Inoltre la Saga ha avviato un percorso di confronto con le organizzazioni del segmento ricettivo per definire le strategie e strumenti da sviluppare al fine di incrementare ulteriormente le opportunità di sviluppo della destinazione Abruzzo."