Aruzzo blindato . Maxi operazione di Squadra mobile, Ufficio immigrazione, Anticrimine, Antidroga che da questa mattina sono schierati tra la provincia di Teramo e San Benedetto.

Entrare o uscire dalla nostra regione da nord e verso nord senza essere fermati ed identificati è quasi impossibile. Posti di blocco ovunque e strade passate al setaccio dagli agenti, anche in vigore delle norme anti terrorismo.
Fermate centinaia di automobili, ma finora la situazione sembra più che tranquilla. Le operazioni proseguiranno ancora nei prossimi e giorni e  saranno incrementati i controlli in tutta la regione.

“L’attività di servizio ha avuto inizio alle 7 di giovedì 19 novembre e terminerà alle 6 del giorno venerdì 20 successivo. Il dispositivo prevede l’impiego contemporaneo di personale della Questura, tra cui Squadra Mobile, Digos, Polizia Amministrativa e Sociale Polizia Anticrimine e Ufficio stranieri, dei Commissariati distaccati, della Sezione Polizia Stradale, del Reparto Prevenzione Crimine, della Sezione di Polizia Postale e delle Comunicazioni, della Sottosezione Polfer di San Benedetto del Tronto per un totale di 150 operatori della Polizia di Stato contestualmente presenti sul territorio.
 
Obiettivo dell’operazione è il rafforzamento delle misure generali di vigilanza e controllo nel territorio, oltre le aliquote ordinatamente impiegate, con l’individuazione, rilevazione e conseguente repressione di eventuali illegalità riscontrate nel territorio delle provincie di Ascoli Piceno e Fermo nell’ambito di una operazione coordinata e focalizzata di tutte le componenti della Polizia di Stato."

Per domani è prevista la conferenza stampa con tutti i dettagli dell'operazione