Dal prossimo Primo agosto, dopo 4 anni di assenza, il Frecciabianca di Trenitalia tornera' a fermarsi alla stazione di Giulianova. L'annuncio e' stato dato dal Sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale, Camillo D'Alessandro, che ha portato a conclusione una lunga trattativa con le Ferrovie dello Stato.

"La fitta interlocuzione avviata quest'anno in primis dal presidente D'Alfonso - ha detto D'Alessandro - ha portato Trenitalia a dire si' alla fermata di Giulianova a servizio di un importante tratto della costa abruzzese. Un risultato straordinario, che testimonia come la nostra regione sia ascoltata, seguita e rispettata".

"Ma questo risultato - insiste D'Alessandro - certifica la nuova Regione e' ascoltata e rispettata grazie alla capacita' di elaborare numeri, fare squadra con i territori e portare a casa risultati. Siamo solo all'inizio della 'rivoluzione' del riposizionamento della nostra Regione. Prima di noi una Regione isolata, oggi torniamo dentro la grande programmazione della mobilita' nazionale ed europea, con le rete Ten-T , dove ci avevano esclusi, e ci candidiamo ad essere la Regione dei flussi".

In un recente incontro che si e' tenuto presso l'assessorato ai Trasporti il sottosegretario D'Alessandro, alla presenza dei vertici commerciali di Trenitalia, ha approfondito e analizzato la parte dei numeri e dei flussi che hanno consentito a Trenitalia stessa di aderire alle richieste della Regione.

"Non abbiamo mai mollato - aggiunge D'Alessandro - e non intendiamo farlo neanche per l'altra partita che rimane aperta in Abruzzo: la fermata Vasto-San Salvo. Obiettivo non impossibile ma che necessita di un supplemento di lavoro che ci vede permanentemente convocati".

In questo senso, gia' dalla prossima settimana ci saranno altri incontri coordinati da D'Alessandro ed i vertici di Trenitalia. La societa' di trasporto passeggeri delle Fs sostiene che allo stato non sussistano le condizioni per garantirla.

"Posso dire - aggiunge il Sottosegretario - che sul punto la Regione sta portando avanti l'istruttoria e il prossimo passaggio politico sara' quello di far incontrare i rappresentanti di Trenitalia con gli operatori turistici dell'area del vastese. L'idea e' di realizzare insieme un progetto di marketing, con una serie di investimenti e iniziative, che giustifichi anche la fermata a Vasto".

"Su questo - conclude D'Alessandro - stiamo lavorando nella convinzione che solo la continua interlocuzione con Fs e la collaborazione Regione-operatori turistici possano farci raggiungere l'obiettivo".