A sette anni dal tragico 6 aprile del 2009, circa settemila persone hanno partecipato in un clima di commozione alla fiaccolata per commemorare le 309 vittime del terremoto dell'Aquila.
La fiaccolata è partita dopo le 22 da via XX settembre con destinazione piazza Duomo, cuore del centro storico dove poco dopo mezzanotte e mezza sono stati letti i nomi delle vittime della tragedia. E sono risuonati 309 rintocchi di campana. "Per loro, per tutti. Familiari vittime 2009" è lo slogan dello striscione di apertura portato dai parenti delle vittime del sisma in t-shirt gialla con la scritta "Verità per la strage dell'Aquila". Accanto a loro i familiari delle vittime Thyssenkrupp, Moby Prince, San Giuliano di Puglia. La manifestazione centrale del programma delle commemorazioni degli scomparsi nel sisma delle 3:32 del 6 aprile 2009, promossa come sempre dai familiari delle vittime, è stata quindi un'ulteriore occasione per chiedere "verità e giustizia", nonostante il processo alla commissione grandi rischi abbia avuto l'epilogo in Cassazione. "Vorrei che dal prossimo anno il 6 aprile diventasse il giorno della sicurezza del Paese". Così il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente, a poche ore dalla commemorazione per il 7/o anniversario del terremoto del 6 aprile 2009, parlando del significato da dare alla fiaccolata che partirà alle 22 da via XX Settembre per raggiungere piazza Duomo, dove a mezzanotte è prevista la lettura dei nomi delle 309 vittime. Grazie ai Vigili del Fuoco si potrà seguire il corteo in diretta streaming su www.comune.laquila.it.
    "E' arrivato il momento di lanciare un grande progetto di 50-60 anni per la manutenzione straordinaria di messa in sicurezza dell'Italia - ha detto Cialente - partendo dai territori più a rischio idrogeologico e sismico e dalle scuole.
    Dobbiamo fare come in Giappone e Cile e negli altri Paesi seri e civili. Non capisco come ogni due anni si debba fare la revisione dell'auto, altrimenti viene sequestrata, e in Italia della propria abitazione nessuno sa nulla se non la rendita catastale".