In occasione della risalita peninsulare dello scrittore catanese Vladimir Di Prima, a Pescara si terrà la presentazione del suo ultimo libro PENSIERI IN FACCIA (Algra Editore, €8). 
Dialogheranno con l'autore Federica D'Amato e Valentina Di Cesare. 
Lettori d'Abruzzo, accorrete!

**************************

Incipit di romanzi mai scritti, tentativi di poesia, racconti estemporanei, sogni pomeridiani, invettive, stati d’animo e soprattutto pensieri. Assodato che una lingua si trasformi durante il corso del tempo, non c’è dubbio che l’avvento dei social network, facebook su tutti, abbia in qualche modo rivoluzionato la comunicazione globale e con essa il linguaggio. Dalla possibilità di poter esprimere qualcosa di proprio attraverso un “post”, sostanziali cambiamenti si riscontrano dal punto di vista semantico della parola, della struttura del periodo e della sintassi. L’urgenza di una condivisione sempre più veloce e immediata, la possibilità che questa riceva il gradimento da parte di un pubblico virtuale tutt’altro che paziente, fa sì che si sperimenti, con maggiore determinatezza rispetto alla lingua parlata, un modo nuovo di manifestare il proprio pensiero. Siamo all’alba di un nuovo genere letterario?

"Pensieri in faccia è un libro di caleidoscopi e insieme la memoria di un antico mercatino di paese. C’è ricchezza, c’è umanità. Vladimir Di Prima sorride senza smorfie, non teme niente." (Arnaldo Colasanti)

**************************

Vladimir Di Prima è nato a Catania nel 1977. Dopo la laurea in Legge si è specializzato in Criminologia. Ha esordito con il romanzo Gli Ansiatici (2002) a cui sono seguiti Facciamo Silenzio (2007) e Le incompiute smorfie (2014). Vive alle pendici dell’Etna, lontano da frastuoni modaioli e architetture di cartapesta.